Standard Poor’s conferma per CGPA Europe Il rating A- con outlook stabile

Per Standard & Poor’s, il rating di CGPA Europe è ancora A- con outlook stabile. L’agenzia ha quindi confermato la valutazione del merito di credito espressa nel 2016 e prima ancora nel 2013.

S&P ha motivato la decisione con il posizionamento nel mercato di riferimento, la solidità finanziaria del gruppo e la lunga esperienza. L’ottima performance è stata supportata da un approccio prudenziale perseguito nell’attività di sottoscrizione e nella costruzione di riserve.

Gli analisti hanno definito la liquidità della compagnia “eccezionale”, supportata da un portafoglio d’investimenti ben diversificato e liquido e dalla forte capacità di generare cash flow.

L’outlook stabile riflette l’attesa di una politica di bilancio prudenziale, la prosecuzione di un approccio cauto nell’attività di underwriting e il mantenimento dello storico posizionamento di mercato.

Standard & Poor’s ha considerato basso il grado rischio del gruppo, valutazione che non sarà influenzata negativamente dal programma di espansione in Europa.

L’agenzia ha giudicato “adeguato” il posizionamento competitivo, sostenuto dal modello di business: un assicuratore indipendente che permette agli intermediari di evitare il conflitto d’interesse (nel caso gli intermediari dovessero coprirsi dai rischi di responsabilità civile attraverso le compagnie per le quali svolgono attività distributiva).

Gli analisti hanno considerato i ricavi e la dotazione di capitale in linea con la classe di merito AAA ed espresso un giudizio positivo sull’adeguatezza patrimoniale prospettica grazie anche ai ricavi attesi nei prossimi due anni. Secondo gli analisti, la dotazione di capitale sarebbe in grado di coprire un eventuale fabbisogno di capitale nel caso di un’espansione in Europa.

Standard & Poor’s ha migliorato da fair a satisfactory il giudizio sul management e sulla governance sul quale ha pesato il miglioramento dei sistemi di controlli e il rafforzamento delle competenze delle funzioni operative interne.

L’agenzia, infine, ha sottolineato la solida esperienza del management. Per gli analisti, gli obiettivi di CGPA sono sempre stati in linea con le sue capacità. Standard & Poor’s si aspetta che il piano strategico 2016-2020 permetterà a CGPA di conservare il posizionamento di mercato in una fase in cui le assicurazioni di responsabilità professionale appaiono fortemente sottoposte alla pressione tariffarie.